18 - Nov - 2017
E-news (26)
Ricerca
Mappa del sito
Mailing lists
area Download
Links Utili
Parodontologia

Questa parte della Odontoiatria si occupa del trattamento delle strutture di sostegno del dente.
Le strutture di sostegno del dente sono l’ Osso, dove sono infisse le radici, le Gengive che ricoprono l’osso ed il Legamento che collega la radice del dente all’osso.
Queste tre strutture si definiscono Parodonto.

Le strutture di sostegno del dente sono la parte più importante, anche più importanti del dente stesso!!
Purtroppo la maggior parte delle persone non ne è al corrente.
Infatti la malattia delle strutture di sostegno del dente può causare la mobilità e poi la caduta del dente, anche se questo è perfettamente sano!
Un tempo questa malattia veniva chiamata Piorrea, oggi si dice Parodontite o Malattia Parodontale (cioè infiammazione del parodonto).


CASO 1


CASO 2

Per esempio, guardando il CASO 1, potete osservare che le gengive si sono ritirate e i denti sembrano più lunghi; l’osso sotto alle gengive si è “ritirato” anch’esso e i denti che sono diventati mobili si sono spostati e si sono aperti degli spazi.

Nel CASO 2 invece il problema riguarda un solo dente; anche qui la gengiva si è ritirata e così anche l’osso, in questo modo il dente che è più mobile è “sceso”(guardate lo slivellamento rispetto all’altro).

DA CHE COSA E’ PROVOCATA LA MALATTIA PARODONTALE?

E’ una malattia batterica.
Nella bocca di tutti noi, ci sono normalmente dei microbi (batteri) che si attaccano alle gengive e ai denti.
Questa è una situazione normale e che non possiamo evitare!

Passando le ORE i batteri si accumulano formando la Placca batterica; la placca nei GIORNI si indurisce e diventa Tartaro.
Quindi Placca e Tartaro sono un mucchio di batteri attaccati a denti e gengive!!
La differenza fra i due è che la Placca si può ancora togliere con lo spazzolino, il Tartaro no!


PRIMA


DOPO LA PULIZIA DEI DENTI

Questi batteri quando si attaccano ai denti, dopo tempo variabile cominciano a corrodere lo smalto provocando la Carie.

I batteri che si attaccano alle gengive invece, prima le infiammano causando la Gengivite e poi se non si interviene, l’infezione si estende anche all’osso diventando Parodontite o Malattia parodontale.
La Gengiva quando è infiammata diventa rossa, gonfia e sensibile, ma soprattutto sanguina facilmente!, successivamente si scolla dal dente e si ritira.
L’osso quando è infiammato si “ritira”, e il dente che perde parte delle sue “fondamenta”, comincia a dondolare.

Ricapitolando:
la causa principale è la Placca Batterica ed il Tartaro! che si possono evitare SOLO con una igiene orale scrupolosa e periodici controlli dal Dentista, per fare una diagnosi precoce.

Una causa predisponente alla malattia è il Fumo, perché riduce le difese di Gengive e Osso.
Esiste una predisposizione ereditaria per cui una persona su tre può sviluppare la malattia, ed in questi casi le Gengive e l’osso di questi individui sono più “delicati” e “sensibili” alla Placca e al Tartaro.
Diabete e altre malattie possono favorire lo sviluppo della Malattia Parodontale.
Il Bruxismo, cioè la tendenza a digrignare i denti durante la notte o in periodi di stress, può causare l’indebolimento delle strutture di sostegno dei denti.

PREVENZIONE DELLA MALATTIA PARODONTALE

  1. Spazzolare i denti dopo ogni pasto in modo adeguato e almeno per 5 minuti!;
  2. Usare il filo interdentale in tutti i denti almeno una volta al giorno, tutti i giorni;
  3. Fare visite dentistiche periodiche con sedute di igiene orale almeno ogni 6 mesi;
  4. Non fumare.

TRATTAMENTO DELLA MALATTIA PARODONTALE

Nelle prime fasi della malattia si ottengono ottimi risultati rimuovendo la Placca batterica ed il Tartaro con la Detartrasi e con la Pulizia Sottogengivale (Scaling radicolare).


PRIMA


DOPO

In questo caso è stata sufficiente la Detartrasi e la lucidatura dei denti per rimuovere placca e tartaro.

Forme più gravi di malattia parodontale possono richiedere altri trattamenti anche di tipo chirurgico.
Sovente i denti sanificati dalla malattia vanno stabilizzati insieme perché il poco osso rimasto non consentirebbe una funzione masticatoria adeguata.


PRIMA


DOPO

Questo caso ha richiesto 20 mesi di trattamento; sono stati eseguiti 3 interventi di chirurgia osseo-gengivale per sanificare i tessuti e 2 interventi di posizionamento di impianti per ripristinare i denti perduti a causa della malattia.
Gli elementi dentali sono stati ricoperti con ponti in oro-ceramica per dare magior robustezza alle arcate.
Dopo 7 anni il caso è stabile, senza riacutizzazione della malattia (controlli ogni 3 mesi).


PRIMA


DOPO (2 anni di trattamento)

In questo caso è stato necessario rimuovere alcuni denti irrecuperabili e sostituirli con impianti dentali; sono stati fatti 3 interventi di chirurgia osseo-gengivale per sanificare i tessuti di sostegno dei denti rimasti, e tutti gli elementi sono infine stati uniti insieme mediante ponti in oro-ceramica, per rendere più resistenti le due arcate.
A distanza di 8 anni il caso è stabile (controlli ogni 3 mesi).

In casi selezionati oggi è possibile rigenerare l’osso perso e riposizionare le gengive nella posizione di salute.

RIGENERAZIONE OSSEA


PRIMA


DOPO

Questa lesione ossea di natura batterica (Parodontite) è stata trattata con tecniche chirurgiche rigenerative (risultato a 2 anni).


PRIMA


DOPO

Grave perdita di osso risolta con terapia rigenerativa e rifacimento successivo del ponte.


PRIMA


DOPO

In questo caso si può vedere direttamente la rigenerazione ossea attorno ad un dente che aveva quasi completamente perso l’osso di sostegno (controllo dopo 20 mesi).


PRIMA


DOPO

Questa grave perdita di osso di sostegno è stata recuperata con tecniche rigenerative (controllo a 26 mesi).

COPERTURA RADICOLARE


PRIMA


DOPO

Completa copertura radicolare del canino e dell’incisivo laterale con un unico intervento.


PRIMA


DOPO

Completa copertura radicolare di incisivo laterale, canino e primo premolare


PRIMA


DOPO


PRIMA


DOPO

Copertura radicolare di un molare inferiore prima di eseguite una nuova corona in ceramica

Come potete vedere tutti i casi presentano una copertura delle radici, ma ciò che più importa, un ripristino dei tessuti che erano inizialmente “ritirati”.


PRIMA


DOPO

Ovviamente lo stesso trattamento chirurgico è efficace anche per i denti anteriori.

In sostanza anche se esistono sempre maggiori possibilità terapeutiche per arrestare la Malattia Parodontale o addirittura per ripristinare l’osso perso e le gengive ritirate, è importante ricordare che SOLO UN’ IGIENE ORALE SCRUPOLOSA METTE AL RIPARO DA QUESTA MALATTIA, che rappresenta purtroppo la causa principale di perdita dei denti, molto più della carie!

  Chirurgia Orale
  Endodonzia e Ricostruzione
  Fis. Stomatognatica
  Igiene Orale
  Implantologia
  Odontoiatria Conservativa
  Odontoiatria Estetica
  Parodontologia
  Prevenzione
  Protesi Fissa
  Protesi Rimovibile
  Radiologia Digitale

Accessi: 270953
[ Home ] [ Note Informative ] [ Lo Studio ] [ Ambienti ] [ Info ] [ I nostri servizi ] [ Servizi on-line ] [ Domande frequenti ]

 
Guazzi Studio Odontoiatrico Dott. Paolo
Carlo Alberto Dalla Chiesa, 69
Modena, 41100 (MO), Italy
Tel: 059-390726
Fax: 059-303945
E-mail: studio@guazzipaolo.it